L’elettrolisi dell’acqua

Sai come si produce l’idrogeno? Uno dei tanti modi è l’elettrolisi dell’acqua, guarda l’esperimento

Materiali

  • acqua salata
  • vaschetta trasparente
  • 2 provette di vetro
  • batteria da 4,5 volt
  • 2 cavetti con morsetto
  • plastilina colorata
  • mine di 2 matite

Preparazione
Collega la mina al cavetto mediante il morsetto, poi sigilla il collegamento con la plastilina. Ripeti l’operazione con l’altra mina. Riempi una provetta di acqua, poi inserisci la mina al suo interno. Attenzione a non fare entrare bolle di aria nelle provette.

Esecuzione
Collega i morsetti liberi alla batteria. Tieni bene a mente quale morsetto hai collegato al polo positivo (più corto) e quale al negativo.

Osservazione
Dopo qualche minuto potrai notare che sulla superficie delle mine si sviluppano piccole bolle d’aria. Dopo tre ore nella provetta c’è molto gas. Nella provetta collegata al polo negativo è presente il doppio del gas presente nell’altra. Perché?

Spiegazione
L’elettricità rompe la molecola d’acqua liberando l’ossigeno e l’idrogeno di cui è fatta. Intorno alla mina “negativa” si forma idrogeno gassoso H2, mentre intorno a quella “positiva” si forma ossigeno gassoso O2. Ogni due molecole di acqua “rotte” dall’elettricità (elettrolisi) si formano due molecole di idrogeno gassoso e una sola di ossigeno gassoso. Per questo motivo in una provetta c’è il doppio del gas presente nell’altra.